Finalmente anche Striscia la Notizia è scesa in campo contro i “furbetti”!

Sono recenti i servizi televisivi della nota trasmissione di Canale 5 alle prese con le pesate di alcuni commercianti del settore che “per incanto” fanno sparire , volatilizzare, molti grammi ad ogni pesata salvo poi dichiarare un prezzo al grammo in acquisto che non ha nulla di commerciale e nulla di etico e/o morale.

Quando si ha a che fare con l’oro e con le pesate bisogna essere attenti ed anche un pò smaliziati: vi “sveliamo” i trucchi che abbiamo riscontrato essere maggiormente adottati nei Compro Oro e nelle Gioiellerie. Ovviamente non vogliamo accusare nessuno e non vogliamo che pensiate che tutta la categoria (di cui facciamo parte) sia avvezza a simili comportamenti … ci limitiamo a rendervi edotti su alcuni, esecrabili, comportamenti che potreste riscontrare ed in presenza di tali comportamenti  vi suggeriamo di “cambiare aria” rivolgendovi ad altro operatore che magari si attenga a quanto stabilito dalle vigenti norme.

Intanto una precisazione dovuta: nessuno può smontare le pietre dai gioielli (se lo fate voi prima di portare l’oro che volete vendere è ok … ma il negoziante non può farlo: non per mancanza di volontà ma  perchè cambierebbe la natura del bene acquistato ( da gioiello usato a rottame ) e ne snaturerebbe l’originalità ( smontare le pietre lo fanno i ricettatori per rendere irriconoscibili gli oggetti alle forze dell’ordine ) e comprometterebbe la natura stessa della sua attività esponendosi a gravi infrazioni.

Ecco quello che deve farvi insospettire e dunque farvi desistere  dal continuare la transazione:

  • Pesate su bilance elettroniche o analogiche senza i sigilli
  • Pesate eseguite con bilancia nascosta al vostro diretto controllo
  • Pesate con ago che non parte da zero
  • Pesate troppo repentine, fugaci o comunque veloci
  • Bilancia posta su piano inclinato…..
  • Lo svuotamento dei contro-pesi !! sistema particolarmente subdolo e di difficile verifica (bhè a dire il vero si è sempre usato…ma lo usavano i vecchi pesatori in agricoltura…ora stà tornando in auge…per l’oro):In pratica si asportano con una fresa alcuni decimi di grammo di ottone dall’interno dei pesi in modo che ( a titolo di esempio) il pesino da 50 gr. dichiarati ne calcoli in realtà  49 o 48 …. provate a immaginarvi il guadagno che si ottiene  svuotando di solo uno o due grammi ogni contro-peso : fino a 16 gr di guadagno extra, fraudolento ed a Vs. discapito….
  • Fuori dal locale vi è un cartello: Oro 18Kt 27.50 euro/gr (come è possibile se oggi l’oro in Borsa vale addirittura di meno??).

Queste sono le classiche situazioni…..

Le raccomandazioni che ci sentiamo di poterVi suggerire sono:

  1. Fidatevi solo di chi vi pesa l’oro sotto il Vs. controllo
  2. Fidatevi di chi vi spiega come ha ottenuto il peso netto in caso di tara
  3. Fidatevi di chi esegue pesate lente, senza fretta, e ricontrolla ciò che ha fatto.
  4. Fidatevi di chi Vi chiede il documento di riconoscimento e redige l’atto di vendita in Vs. presenza e ve lo sottopone per la firma completo di ogni informazione (molti fanno addirittura firmare in bianco….!!)
  5. Ma soprattutto guardate negli occhi il vostro interlocutore

Se chi ha eseguito le operazioni per l’acquisto ha soddisfatto questi punti basilari, allora, uscirete dal Compro Oro o dalla Gioielleria certi di avere ottenuto il giusto trattamento  e di essere stati trattati con rispetto.

Fondamentalmente vi sono solo due metodi per creare il prezzo dell’oro:

  1. Prezzo riferito all’oro puro: si applica il prezzo di borsa (decurtato dalle commissioni, cioè dal margine del Fondachiere e del Compro-Oro)  al quantitativo  di oro puro contenuto nella vostra gioielleria/oreficeria usata. La formula matematica è:  peso in gr vostri gioielli X 0.750= grammi di oro puro su questo nuovo peso si applica il prezzo al grammo che fornisce la Borsa (decurtando i margini del Fondachiere e del Compro-Oro).
  2. Prezzo riferito all’oro legato (cioè già ridotto in termini di purezza) per il peso dei vostri gioielli. In questo caso partiamo sempre dall’oro puro di borsa, decurtato delle commissioni. La formula è la seguente: prezzo oro puro X 0.750= prezzo al grammo oro  a titolo 750

Qualsiasi altro calcolo è teso a rifilare una fregatura, fregatura che diventa truffa se le due formule vengono mischiate tra loro: grammi di oro puro X prezzo al grammo oro al grammo oro legato

Questa prassi, ci è stato segnalato,  è sempre più utilizzata all’interno dei centri commerciali e da alcune catene di negozi PRESTATE LA MASSIMA ATTENZIONE moltiplicare il peso dell’oro puro per il prezzo al grammo dell’oro che portate equivale a fare un doppio calo ! In termini pratici su 100,00 gr ve ne pagheranno 50,00 !!

Un esempio pratico vale più di cento parole: All’interno vi viene pesato l’oro e proposto un prezzo inferiore alle attese per cui alle rimostranze viene data la seguente giustificazione: “Paghiamo 27.50 il grammo ma dobbiamo sottrarre le impurità della lega che sono pari al 25% del peso (o del prezzo è uguale)” a questo punto il Vostro prezzo è sceso magicamente da 27.50 a 20.62 e sebbene voi siate convinti di aver ricevuto 27.50 per ogni grammo del vostro oro ne avete ricevuti solo 20.62 che è molto diverso da quello dichiarato. Peggio ancora se viene moltiplicato il peso del puro per il costo grammo del 750, in questo caso il calo è doppio

Quanto sopra è oltre il limite della scorrettezza commerciale ma nessuno se ne interessa davvero a fondo per cui molti prosperano, agendo in questo modo, a discapito degli onesti che alla fine rischiano pure di passare per fessi e turlopinatori ….. come dire “cornuto e mazziato!”

Volete essere certi di non aver subito danni ? Semplice: confrontate il prezzo finale che vi viene pagato in denaro e lasciate perdere il prezzo al grammo proposto, le parziali permute, il pagamento in parte con contanti e parte con biglietti del monopoli, i viaggi offerti in cambio di 10 gr di metallo ed altre cretinate simili ! State vendendo metallo prezioso che ha un suo valore certo non discutibile e non trattabile oltre certi limiti.

Prestate attenzione sempre ai calcoli per favore !!!Sebbene programmi con “Striscia la Notizia! o “Le Iene” siano “benedetti” essi gioco forza non possono tutelare l’intero mercato e tantomeno non possono sostituirsi al giudice. Affiancati e supportati dalle forze dell’Ordine che effettuano i controlli sugli esercizi commerciali, entrambi, necessitano dell’aiuto di tutti per evitare il proliferare di certi atteggiamenti poco etici. Il singolo può metterci del suo prestando la dovuta attenzione e sapendosi fare bene i propri conti senza lasciarsi sviare da una marea di conteggi inutili, creati ad hoc per disorientare: il prezzo è xx per ogni grammo di 750 finito e comprato , punto.

Molti ci hanno chiesto quale dovrebbe essere il prezzo corretto dell’oro 18Kt secondo noi: stabilire un prezzo non ha molto senso in quanto essendo legato alle quotazioni di borsa sarebbe istantaneamente da rivedere al rialzo o al ribasso per cui preferiamo fare nostro il ragionamento e la regola aurea dell’Associzione Nazionale degli Orafi e dei Gioiellieri: un prezzo corretto dovrebbe attestarsi intorno al 60% del valore dell’oro di borsa (oro puro).

Per esempio: se oggi il valore di borsa fosse euro 40,33 al grammo il valore proposto per l’acquisto dell’usato, a titolo 18Kt , non dovrebbe discostarsi troppo da euro 24.20 al grammo  . Forti decrementi o incrementi da questa cifra sono segnali preoccupanti che nascondono fregature, insidie, sotterfugi, o comunque situazioni “non regolari”

Ancora una cosa prima di lasciarvi alla navigazione di altre pagine del sito, affinchè non facciate errori nel giudicare chi vi stà valutando il Vs. metallo: le pesate possono non essere tutte uguali ! Una discrepanza tra una bilancia ed un’altra è perfettamente nella norma se essa resta entro pochi decimi (max. un grammo su cento). Questa differenza può essere causata da un diverso processore interno della bilancia ( se digitale) che effettua gli arrotondamenti oppure ad una diversa pressione atmosferica ambientale (per le analogiche). L’unica bilancia che tiene in considerazione tutti questi fattori è a rilevamento peso con cella a compensazione elettromagnetica monoblocco e cella paravento a compensazione automatica il cui costo non è nemmeno lontanamente giustificabile. Pochi decimi di grammo. è considerata differenza commerciale tollerata ed accettata.

Altra distinzione accettata dal mercato è una leggera diminuzione di prezzo per l’oro di vecchia fattura, l’oro rosso: con il tempo e l’uso il titolo dell’oro tende a scendere leggermente. Chi applica commissioni molto strette potrebbe farvi notare questo calo fisiologico avvenuto e potrebbe pagarvi leggermente di meno  SOLO gli oggetti descritti applicando alla formula del  peso sopra scritta 0.73 anziché 0.75. In questo caso il commerciante si è solo cautelato perché, evidentemente, le sue commissioni sono così strette e basse che 20 millesimi di titolo fanno la differenza tra perdita ed utile.

Grazie per l’attenzione!

P.S. se avete avuto esperienze a tal proposito fateci                     sapere e pubblicheremo volentieri il tutto (in forma assolutamente                     anonima) in modo da rendere un servizio alla collettività.

Commenti recenti